Archivio della Categoria ‘Varie’

Il ritorno del Gruccione a Cumiana

Monday, June 9th, 2014

Stimatissimo Direttore Maggia e Dott.sa Sorbino,

Nel lasciare il mio incarico, dopo 40 anni di volontariato, per motivi di salute voglio ringraziare, tramite le Vs. splendide persone, tutta la Redazione dell’Eco del Chisone per la collaborazione intercorsa in tutti questi lunghi anni di progetti ambientali a favore del Pinerolese.

Le poche righe che invio a conclusione della mia attività sono per segnalare il ritorno di uno stormo di Gruccioni nel cielo della frazione Luisetti di Cumiana. Mentre le rondini, il cuculo, l’upupa, l’usignolo ed altri uccelli al loro ritorno dall’Africa ci annunciano l’arrivo della primavera, i gruccioni ci annunciano l’arrivo dell’estate. Uccello estremamente raro da osservare e altamente protetto, piano piano, nell’ultimo decennio ha colonizzato le sponde di alcuni torrenti del Pinerolese, estendendo sino ai piedi delle montagne il suo areale di nidificazione. L’esempio dei Luisetti ne è la prova.
E’ considerato, tra gli uccelli più belli, come piumaggio, che frequentino il territorio italiano. Animale estremamente utile all’agricoltura perchè si ciba di grandi quantità di insetti con i quali alleva la prole, è anche sinonimo di territorio sano ed intatto. Il garrire alto e forte rallegra, con la loro presenza gli abitanti della frazione che hanno ricorso a noi per conoscere meglio questo stupendo uccello. La loro presenza era già segnalata lo scorso anno, ma solo ora ne diamo notizia dopo aver avuto conferma che il territorio dei Luisetti ha permesso il loro ritorno.

Cordiali saluti a tutti
Accatino Cav. Francesco Eros
presidente uscente del WWF Pinerolese

Seguono fotografie di Aldo Morello.

gruccione1 gruccione2 gruccione3 gruccione4 gruccione5

Ritrovamenti di Fauna Selvatica: ricordate…

Sunday, May 11th, 2014

Exif_JPEG_PICTURE

E’ arrivata la primavera. E con essa iniziano i primi ritrovamenti di fauna e avifauna selvatica Necessitano quindi alcune notizie per informare le persone delle procedure alle quali bisogna attenersi.

La legge nazionale sulla caccia così recita “Chiunque ritrovi fauna selvatica deve avvisarne subito la Provincia o il Comune di competenza (Vigili Urbani) o il C.F.S. locale contattando il 1515. Gli esemplari dovranno essere conferiti ai centri di recupero all’uopo preposti”.

Il centro WWF, non avendo più il supporto Provinciale non accoglie più fauna selvatica, se non portata dai nostri soci, e indirizza, se l’animale è implume o ferito, a trasportarlo alla clinica veterinaria di Grugliasco che ha un pronto soccorso gratuito per recuperarla.

Da questo mese in poi sono in corso le nascite dei caprioli e chiunque ritrovi un piccolo NON LO DEVE TOCCARE PER NESSUN MOTIVO PERCHE’ LA MADRE, CHE E’ SICURAMENTE NEI PARAGGI E NON ABBANDONA MAI IL PICCOLO, SENTENDO L’ODORE DELL’UOMO, IN QUESTO CASO LO RIFIUTEREBBE, CONDANNANDOLO COSI’ A SICURA MORTE.

Motivo di più, quindi, per avvisare subito gli enti sopra indicati aspettando che il personale preposto intervenga per trasportarlo ai centri di raccolta.

Giustizia per il lupo di Trana

Tuesday, April 22nd, 2014

La Quinta Sezione Penale del Tribunale di Torino, nella persona della Dott.ssa Maria Iannibelli, all’udienza che si è tenuta in data 11 aprile 2014 ha accolto in via preliminare la costituzione di parte civile del WWF del Pinerolese-Val Varaita, ritenendone fondate le motiovazioni.

Tuttavia, ha altresì accolto la richiesta di patteggiamento avanzata dall’imputato S.D. (“perchè per crudeltà o senza necessità, cagionava la morte di un esemplare di lupo, facente parte della fauna selvatica” in Trana il 25/02/2012), il quale è stato condannato alla pena detentiva di mesi tre, oltre al pagamento delle spese processuali anche della parte civile.

Le motivazioni della sentenza di cui sopra saranno pubblicate entro giorni quindici dalla lettura del dispositivo avvenuta in udienza.

Al di là del patteggiamento, peraltro previsto, è importante e significativo che la Giustizia abbia suffragato – seppur solo formalmente (con l’accoglimento della costituzione di parte civile) – la legittimità e bontà dei principi in base ai quale opera il WWF, a difesa dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi che lo abitano, contribuendo incisivamente a preservare e difendere gli ecosistemi naturali nel nostro territorio, in Italia e nel mondo.

Eco-centri Vacanze – Fattoria del Panda WWF

Friday, April 18th, 2014

Segnaliamo a tutti gli amici del WWF il programma degli Eco-centri Vacanze “Vivi il Carso” presso Gorizia. I centri pevedono offerte speciali per i soggiorni a Pasqua, 25 Aprile e 1° Maggio oltre a un ricco programma per l’estate.

>> Clicca qui per scaricare il programma in PDF <<

Bio-Agriturismo e Fattoria del Panda WWF
Parco Rurale “Alture di Polazzo”
Via Fornaci, 1/A – 34070 Fogliano Redipuglia
Gorizia – Italia
p.iva/c.f. 01039430317
R.E.A.: GO – 66429

Tel. : 0039- (0)481-1995220
Cell.: 0039-330-240132
Fax.: 0039-(0)481-1990293
Posta Certificata: [email protected]

[email protected]
www.parcorurale.it

WWF Pinerolese si costituisce parte civile al processo sul Lupo morto a Trana

Sunday, April 6th, 2014

Premessa
Il mercoledì 23 Marzo 2011, alle 20,30, avvistavamo in località la Colletta di Giaveno un branco di 3 lupi (1 maschio e 2 femmine) intenti a sbranare una capra lungo il bosco della provinciale sopra citata. La capra proveniva da un gregge che da anni viveva allo stato brado nei boschi di Giaveno e Cumiana, lasciato in quello stato da un pastore di Allevatori di Piossasco. Spesso gli automobilisti dovevano zizzagare tra le capre che si radunavano sulla strada della Colletta.

Il 2 Marzo 2012, una femmina del branco veniva catturata e moriva strozzata nel laccio di un noto bracconiere che aveva posizionato la trappola per catturare cinghiali e volpi.

Prontamente il CFS di Giaveno rintracciava l’autore dell’azione, reo confesso, di bracconaggio e lo denunciava alla Procura della Repubblica di Torino.
Il WWF Pinerolese si costituiva immediatamente parte civile nel processo che si terrà Venerdì Aprile 2014 nell’aula 82 (Procura di Torino) alle ore 9.

Il lupo è tutt’ora una specie altamente protetta in tutto il mondo e molti vengono rinvenuti uccisi da bocconi avvelenati o a fucilate. Per la prima volta si è potuto risalire all’uccisore e per la prima volta in Piemonte, una associazione ambientalista si costituisce parte civile al fine di non lasciare impuniti simili atti che danneggiano in modo grave uccidendo i predatori che valorizzano la biodiversità delle nostre vallate.

Per Il WWF Pinerolese Val Varaita
il Presidente
Accatino Cav. Francesco Eros.