Sentiero David Bertrand

Presentazione

E’ possibile scaricare la presentazione. Si ringrazia Roberto Bobba per la realizzazione.

La storia

Piossasco, 6 Febbraio 1999, ore 6,15 del mattino.

Gli abitanti della cittadina a 25 Km. da Torino, venivano svegliati da un acre odore di fumo. Le forti raffiche di vento, che per tutto il giorno precedente stavano flagellando il Pinerolese, trasportavano cenere depositandola su balconi e finestre. Fu subito evidente che il fuoco stava distruggendo il Parco Naturale Provinciale del “Monte San Giorgio”. Durante la notte precedente i volontari A.I.B. (Anti Incendi Boschivi) del Comune avevano spento alcuni tentativi di incendio appiccati in più punti del monte. Presto fu evidente che l’opera di spegnimento sarebbe stata una cosa difficile per la celerità di avanzamento del fronte di fuoco spinto dalle incessanti raffiche, dal tipo di vegetazione e dalla alta densità di forestazione di Pino Nero. In tempi molto brevi accorsero squadre di volontari A.I.B. dai Comuni vicini e parecchie squadre di Vigili del Fuoco. Molte furono le persone, che di loro spontanea volontà giunsero, armati di attrezzi, da ogni dove.

La posizione geografica del M.te San Giorgio lo rende visibile a 360° in tutta la provincia di Torino per la caratteristica forma che si incunea, con la sua dorsale all’interno della pianura pedemontana. tra le Valli Sangone e Susa e le Valli del Pinerolese.

La gravità dell’incendio fu tale che molte case ed un ospedale, siti alle pendici, furono allertati per una rapida evacuazione. Da tutto il Piemonte, giunsero 55 squadre di volontari A.I.B. con i loro mezzi antincendio e numerose furono le squadre di Vigili del Fuoco che per tre giorni consecutivi lottarono senza tregua contro le fiamme che avevano avvolto da tre lati la montagna. L’esplosione delle resinose in fiamme rendevano impossibile l’avvicinarsi al fronte ed i mezzi aerei non potevano svolgere la loro opera perché la forza del vento era tale che il pericolo di schiantarsi conto la montagna era costante.

Alle ore 14 circa avvenne la tragedia. Il giovane A.I.B. David Bertrand, della squadra del Comune di Roletto, fu avvolto dalle fiamme e dal fumo soffocante e perse la vita. Un suo compagno, Daniele Bonato, nel vano tentativo di portargli soccorso, rimase ustionato in più parti del corpo e rimase per lungo tempo al Centro Grandi Ustionati del C.T.O. di Torino.

Il 16/04/1999 il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro conferiva alla Memoria, la Medaglia d’Oro al Valor Civile, all’A.I.B. David Bertrand.
A dieci anni dalla tragedia, la Regione Piemonte (assessorato alla Montagna), la Provincia di Torino (assessorato Protezione Civile e Aree Protette), le squadre A.I.B dei Comuni del “Pinerolese Pedemontano” e di Giaveno, Trana (Val Sangone) con relative Amministrazioni Comunali, le Università Forestale ed Agraria di Torino, il C.F.S provinciale e le associazioni: Amici del M.te San Giorgio, C.A.I., Lions e Leo Club “Cumiana Val Noce” e WWF del Pinerolese, per ricordare il sacrificio con la vita del giovane Bertrand e con lui, la preziosa opera che tutti i volontari svolgono a favore dell’ambiente in tutta Italia, hanno elaborato il progetto che vedrà realizzato un percorso denominato “Sentiero David Bertrand M.d.O.V.C.” che si snoderà per 30 Km. sulle colline e montagne che uniscono il luogo ove è vissuto (ROLETTO) sino al luogo ove è accaduta la tragedia.
L’itinerario avrà una valenza didattica, scientifica, turistico paesaggistica ed eco-gastronomica con due posti tappa di grande prestigio, quali il Rifugio Melano, rinnovato con l’inserimento della Casa Olimpica Canada, situato ai piedi della palestra di roccia della Sbarua e la ristrutturata Casa dei Cavatori sita nel Parco naturale provinciale Tre Denti – M.te Freidour nel Comune di Cumiana.

Tutte le scuole di ogni ordine e grado potranno percorrere il sentiero dal quale si scorgono l’intera catena Alpina, dalle Alpi Marittime al Monte Rosa e numerose specie vegetali, botaniche e animali di grande valore scientifico perché uniche nel contesto della bio diversità della Collina e della Montagna Piemontese.

E’ possibile scaricare la storia del sentiero David Bertrand.

Nel 2009 il Capo dello Stato ha voluto conferire una targa in fusione di bronzo in occasione dell’intitolazione alla MOVC David Bertrand del sentiero permanente di Roletto.